Permessi di soggiorno

Il nostro terreno di lotta: un permesso di soggiorno europeo incondizionato e illimitato

Di seguito la traduzione italiana del nostro contributo al Journal pubblicato dal Transnational Migrants Coordination (TMC) in vista della giornata di lotta transnazionale delle e dei migranti. Se la pandemia ha sospeso la vita quotidiana, di certo non si può dire lo stesso per il razzismo. Durante il lockdown il …

Continua a leggere

La Questura di Bologna è ancora in lockdown: tempi infiniti per rinnovare i permessi

Il 31 agosto è scaduta la proroga dei tempi per il rinnovo dei permessi di soggiorno concessa dal governo durante la fase acuta della pandemia. La vita dei migranti è così tornata alla normalità che precedeva il virus: una normalità segnata dal ricatto del lavoro e del reddito, fatta di …

Continua a leggere

Contro la regolarizzazione a tempo determinato: rompiamo le catene del lavoro migrante!

Dopo settimane di patetico dibattito sulla pelle delle donne e degli uomini migranti, la regolarizzazione tanto sbandierata dal governo inizierà il primo giugno per concludersi il 15 luglio. Non sono ancora chiare le modalità per accedere e bisognerà aspettare decreti e circolari ministeriali per comprenderne il preciso funzionamento. Altre cose …

Continua a leggere

«Il lavoro non si può comandare». Lo sfruttamento del lavoro migrante alla Bartolini di Bologna – intervista collettiva

Il caso della Bartolini non è eccezionale, è la normalità della grande fabbrica dell’Interporto e dell’intero settore della logistica. Questa normalità dello sfruttamento rischia di diventare un incubo di irregolarità ancora peggiore per migranti e richiedenti asilo durante l’attuale emergenza coronavirus. Molti di quelli che hanno contratti a chiamata restano …

Continua a leggere

Per Vakhtang, ammazzato al CPR di Gradisca per un permesso di soggiorno. Il 15/02 manifestiamo anche per lui!

Il 18 gennaio, nel Cpr di Gradisca d’Isonzo, Vakhtang Enukidze, un migrante georgiano, è morto ammazzato di botte. I giornali dicono che Vakhtang le botte se le è andate a cercare in una rissa, mentre decine di testimoni, tra cui i suoi compagni di reclusione, dicono che le botte gliele …

Continua a leggere

«Solo la lotta può liberarci». Sciopero dei migranti di Chronopost, Intervista a Amadou Fofana

Pubblichiamo l’intervista a Amadou Fofana, portavoce dei lavoratori migranti di Chronopost-Afortville, filiale delle Poste francesi, in sciopero dall’11 giugno per ottenere la regolarizzazione e la fine del regime di sfruttamento a cui sono sottoposti. Chronopost si serve infatti di un’agenzia interinale, Mission Interim, che recluta sans-papiers in base alle necessità delle …

Continua a leggere

«Siamo in piazza, siamo in sciopero e non abbiamo più paura di parlare!». INTERVISTA alle migranti in sciopero alla Ibis di Batignolles, Parigi

Pubblichiamo l’intervista a Sylvie, lavoratrice migrante, cameriera presso l’hotel Ibis Batignolle a Parigi, parte del gruppo Accord, dal 17 luglio in sciopero contro le condizioni lavorative e salariali imposte dalla SNT, multinazionale cinese a cui l’hotel ha subappaltato la gestione delle pulizie. Le 24 lavoratrici denunciano lo sfruttamento e l’oppressione …

Continua a leggere

23 novembre: Coordinamento Migranti in piazza contro la violenza maschile sulle donne!

Il 23 novembre a Roma ci sarà la Manifestazione contro la violenza maschile sulle donne chiamata da Non Una di Meno. Le donne migranti sanno bene che quella violenza ha molte facce: quella di mariti violenti, di compagni che picchiano, quella degli stupri e delle torture sui fronti di guerra …

Continua a leggere

De la France à l’Europe : les migrants en grève contre Chronopost et le chantage des papiers

Le 11 novembre, cela fera cinq mois que les sans-papiers de Chronopost à Alfortville seront en grève. Depuis cinq mois, les sans-papiers maliens, sénégalaises et guinéennes de Chronopost-Alfortville sont en grève et luttent pour obtenir leur régularisation et leur embauche par la filiale de La Poste « Chronopost ». Cette lutte, portée et …

Continua a leggere

È il momento delle e dei migranti. Uniti facciamo sentire la nostra voce!

Le associazioni e le comunità di migranti e richiedenti asilo, insieme al Coordinamento Migranti, invitano tutte e tutti a un momento di discussione e confronto sulla condizione dei migranti in questo paese. Salvini non c’è più ma il razzismo con cui vengono negati o ritardati i documenti e lo sfruttamento …

Continua a leggere