rifugiati

Feci, insetti e sporcizia: un video dei migranti del Mattei denuncia l’ordinaria ospitalità del grand hotel della Prefettura.

Dopo espulsioni e trasferimenti che avevano diminuito il numero dei cosiddetti “ospiti”, il Cas Mattei di Bologna ha ricominciato a riempirsi. Questo video mostra come i migranti vengono accolti: feci, sporcizia e insetti sono gli elementi di arredo che il grand hotel della Prefettura riserva ai migranti. D’altronde deve essere …

Continua a leggere

La lotta nel CPR di Via Corelli: la libertà dei migranti non si può confinare

Lo scorso sabato sera i migranti del Cpr di via di Corelli a Milano hanno protestato contro le condizioni invivibili del centro. Si sono sdraiati a lungo sotto la pioggia per denunciare di essere rinchiusi e bloccati per tempi sempre più lunghi in un centro sporco e sovraffollato, con cibo scarso, senza …

Continua a leggere

Successo o rappresaglia? / Succès ou représailles? / Success or Retaliation?

COMUNICATO DELL’ASSEMBLEA MIGRANTI DEL MATTEI   Poche ore dopo aver pubblicato l’ultimo video di denuncia contro le condizioni in cui siamo costretti a vivere nel Cas di via Mattei, gli operatori del centro ci hanno comunicato che da questa mattina inizieranno i trasferimenti in altre città della regione per duecento …

Continua a leggere

Di che cosa dovremmo avere paura? Intervista a M. sul razzismo nel centro Mattei

Da più di due mesi centinaia di migranti vivono in una tendopoli nei pressi del CAS Mattei. La situazione di affollamento del centro è insostenibile e nemmeno le piogge alluvionali hanno convinto la Prefettura a far fronte al problema. Per questo, vecchi e nuovi residenti del Centro si stanno organizzando …

Continua a leggere

UNO SPAZIO PER VIVERE E IL TEMPO PER TROVARLO: 4/2 PRESIDIO DEI MIGRANTI DEL MATTEI

Domani manifesteremo di nuovo. Alle 10.30 saremo in Piazza Maggiore davanti al Comune di Bologna per denunciare che le istituzioni di questa città continuano a non dare risposte ai migranti del Mattei che sabato scorso hanno manifestato davanti al centro contro le espulsioni decise dalla Prefettura. È inaccettabile finire per …

Continua a leggere

Ragioni nere e funzionari bianchi: il 4 Febbraio in piazza con i migranti del Mattei

Sulla pelle dei migranti la prefettura di Bologna vuole mostrare chi comanda in città. Succede allora che, dopo il presidio di sabato scorso, gli oltre venti migranti espulsi dal centro di via Mattei vengano chiamati in Piazza Roosevelt solo perché la prefetta vicaria Anna Pavone possa fare la sua prova …

Continua a leggere

Tra Nador e Melilla: il movimento dei migranti e l’ordinaria violenza dei confini

Un’inchiesta pubblicata martedì fa nuova luce sulla violenza che ha causato la morte di almeno ventitré migranti e la sparizione di altri settantasette, il 24 giugno scorso, presso la frontiera che divide la città marocchina di Nador dall’enclave spagnola di Melilla. Questo lavoro d’indagine – frutto della collaborazione di più …

Continua a leggere

L’Europa del razzismo umanitario e le lotte dei migranti ai tempi del governo Meloni

Da qualche giorno sulle coste del mediterraneo va in scena un film già visto. Sentiamo parlare di un “carico residuale” di migranti da rispedire indietro, di “sbarchi selettivi” di donne, uomini e minori che hanno avuto l’ardire di attraversare il deserto, sopravvivere ai lager libici e mettersi in mare per …

Continua a leggere
lavoratori migranti in un cantiere edile

L’alternanza accoglienza-lavoro. Un nuovo modello per lo sfruttamento del lavoro migrante.

Lo scorso 16 maggio è stato annunciato a mezzo stampa che il futuro modello di accoglienza democratica introdurrà ulteriori strumenti di sfruttamento del lavoro migrante compreso quello minorile. Questo è ciò che si evince dal Protocollo d’intesa che i ministri Orlando e Lamorgese – in accordo con i sindacati confederali …

Continua a leggere

Donne migranti contro la guerra: il racconto di Maria

Le parole secche e chiare di Maria, lavoratrice della cura proveniente dall’Ucraina, ci dicono che cosa significa la guerra vista con gli occhi di una donna migrante che da anni è in Italia per costruirsi un futuro, garantirsi una pensione, una casa nel proprio paese, un aiuto ai propri cari. …

Continua a leggere