Willy Monteiro è morto perché era figlio di migranti

Willy Monteiro è morto perché era figlio di migranti. È morto perché era nero, perché sul suo corpo il razzismo che sta dentro la società italiana pensa di aver diritto a infierire e ad accanirsi. Willy non era nel posto sbagliato al momento sbagliato. Willy era al posto giusto, quello dove si difendono gli amici. È il razzismo che è dappertutto e ovunque nel posto sbagliato.
C’è chi ancora si interroga sul ruolo delle arti marziali o del disagio sociale in questa vicenda. Ma è nel razzismo che sono cresciuti gli assassini bianchi di Willy. È nel razzismo e nel culto patriarcale della violenza che rende i maschi “veri maschi” quando molestano le donne o aggrediscono i neri. È nel fango di chi pensa che le vite dei neri e dei migranti non valgono quanto quelle dei bianchi.
Willy è morto perché il razzismo si fa più violento quando si sente minacciato e attaccato. Dopo la morte di George Floyd, un grande movimento di donne e uomini in tutto il mondo sta dicendo che i neri non sono disposti a farsi ammazzare. Che il colore della pelle non può autorizzare nessun abuso e nessuna gerarchia. Questo oggi i razzisti non lo possono accettare, ma dovranno farlo. Trasformiamo il grido di dolore in una pretesa inarrestabile di dignità e di libertà che è lo stesso delle e dei migranti che non sono disposti a farsi rinchiudere in un centro d’accoglienza-quarantena in attesa del Covid-19 o di farsi sfruttare. A quello di chi lotta per un documento nei campi, nei magazzini, nelle fabbriche, nelle case ad assistere gli anziani italiani. Il razzismo è dappertutto, ma dovunque trova un rifiuto nero e migrante.
 
Per dare voce e forza a questa pretesa, sosteniamo l’organizzazione del presidio di sabato 19 settembre per Willy. Perché il razzismo non può più stabilire quanto vale una vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.