Tag Archives: Logistica

Immagazzinare la pandemia. Intervista a tre migranti contagiati dalla Bartolini

Il Coordinamento Migranti Interporto ha intervistato tre richiedenti asilo coinvolti nel focolaio bolognese di coronavirus in Bartolini. L’intervista mostra chiaramente cosa significa per migranti e richiedenti asilo rischiare ogni giorno di contrarre il virus nei magazzini o nell’accoglienza. Per il lavoro a chiamata non ci sono né ‘smart working’ né …

Continua a leggere

Bartolini, via Mattei e la normale brutalità dello sfruttamento del lavoro migrante

Il contagio verificatosi alla Bartolini dimostra che per i migranti che abitano nel centro di accoglienza di via Mattei non esiste alcun pacifico ritorno alla normalità. Per loro eccezione e normalità coincidono drammaticamente. Non tutti i lavoratori della Bartolini sono del Mattei, ma il contagio esiste anche in altri magazzini. …

Continua a leggere

«Il lavoro non si può comandare». Lo sfruttamento del lavoro migrante alla Bartolini di Bologna – intervista collettiva

Il caso della Bartolini non è eccezionale, è la normalità della grande fabbrica dell’Interporto e dell’intero settore della logistica. Questa normalità dello sfruttamento rischia di diventare un incubo di irregolarità ancora peggiore per migranti e richiedenti asilo durante l’attuale emergenza coronavirus. Molti di quelli che hanno contratti a chiamata restano …

Continua a leggere

Cosa succede a Piacenza? Lettera pubblica alla Questura di Piacenza

Continua il percorso di mobilitazione del Coordinamento Migranti nelle città e nelle province dell’Emilia-Romagna. Dopo Modena e provincia, Rimini e Bologna, sabato 30 maggio in un incontro tenutosi a Piacenza, decine di lavoratori migranti ci hanno descritto una gestione dei permessi di soggiorno che pare avere come unico obiettivo e …

Continua a leggere

Tempo di sciopero, tempo dei migranti

In questi ultimi mesi i lavoratori migranti sembrano scomparsi dal panorama politico italiano ed europeo. Si parla di migranti solo quando muoiono a centinaia nel Mediterraneo, oppure quando qualcuno li vuole cacciare accusandoli di essere portatori di povertà e di malattie. Tuttavia, nonostante la crisi, i migranti non sono solo …

Continua a leggere

Riprende la lotta all’Ikea di Piacenza

Nei giorni scorsi i lavoratori delle cooperative di facchinaggio che lavorano per il magazzino Ikea di Piacenza hanno ripreso la mobilitazione contro il licenziamento arbitrario degli iscritti al sindacato SiCobas, che lottano da anni per il miglioramento delle condizioni di lavoro e dei salari. La risposta non si è fatta …

Continua a leggere

1 febbraio: Contro la voce del “padrone”, insieme ai lavoratori migranti della Granarolo!

Da mesi prosegue la lotta dei lavoratori migranti della Granarolo e del loro sindacato SiCobas contro il mancato rispetto dell’accordo firmato a luglio. I recenti tentativi della polizia di sciogliere il presidio permanente davanti ai cancelli della Granarolo sono falliti, incontrando la stessa determinazione con la quale ogni giorno i …

Continua a leggere

I facchini come mafiosi? Cooperare sulla pelle dei migranti

I migranti della logistica come mafiosi. Ci avrà pensato a lungo il presidente della Lega Coop Emilia Romagna, Giovanni Monti, prima di arrivare a un paragone così brillante. Come la mafia, sostiene Monti, i facchini disturbano gli affari delle coop emiliane attraverso «pratiche di illegalità». Non solo: i facchini «prendono di …

Continua a leggere

Strike! Migrant workers in Italy warn TNT about company plans and raise their voice against immigration law

The night between the 28th and 29th of November the logistics workers of the main TNT warehouses in Italy, organized by SiCobas and AdlCobas, went on strike for two hours, to send a signal to the executives of the multinational and to its corporate restructuring plan that includes substantial cuts to …

Continua a leggere

Un segnale

Questa notte i lavoratori dei principali magazzini Tnt d’Italia, organizzati da SiCobas e AdlCobas hanno scioperato per due ore per dare un segnale alla dirigenza della multinazionale e al suo piano di ristrutturazione aziendale che prevede tagli cospicui nella manodopera. Un segnale che punta ad aprire una trattativa nella quale …

Continua a leggere